Home / Photogallery / Omnia Basket Cava Manara vs ForENERGY VIGEVANO 1955 89-91 (d1TS)

Omnia Basket Cava Manara vs ForENERGY VIGEVANO 1955 89-91 (d1TS)

Forse dovremmo scrivere tutto l’articolo in albanese, per descrivere una partita di quelle che vorremmo non finissero mai, e che ha dato ufficialmente il benvenuto alla vera novità vigevanese della Stagione 2014/15: Ermal KAPEDANI.
Per lui 25 punti, 18 rimbalzi, 20 tagliafuori, 10 gomitate e 8 “facce cattive” rivolte agli avversari; il messaggio é chiaro:  “stare alla larga dal ferro vigevanese!

La partita è di quelle vere, un Derby.
L’anno scorso VIGEVANO, in serie D, non ha mai vinto contro LUNGAVILLA (ora diventata OMNIA BASKET CAVA MANARA dopo la fusione con l’altra Squadra pavese).
All’andata per le molte defezioni tra le fila ducali, al ritorno beffata dalla triplona del dominicano Checo VASQUEZ quasi allo scadere.

Il pubblico è delle grandi occasioni, la palestra della Frazione Mezzana Corti è piena all’inverosimile, metà di tifosi locali e metà di quelli vigevanesi.

I motivi per presenziare sono tanti: il Derby, la nascita del piccolo Samuele (figlio di uno storico ultras vigevanese) e il ricordo di due ragazzi del gruppo ultras, che ci hanno lasciato troppo presto.

I due quintetti di partenza si conoscono molto bene, e CAVA MANARA prova ad imporre il proprio ritmo fin dall’inizio, ma VIGEVANO segue a ruota.
L’OMNIA BASKET parte forte ma si fa sempre rimontare dai ducali , canestro di VASQUEZ, bomba del 15-15 di BARBIRATO.

Si chiude il primo quarto sul punteggio di 17-15, ma è solo il primo round

Inizia il secondo quarto sulla falsa riga del primo.
Coach CELE’ deve affrontare un serio problema: il suo principale scorer (Checo VASQUEZ) è in panchina a causa dei 3 falli già fischiati a suo carico.
Tocca dunque a PIERMATTEI prendere in mano la Squadra, e così succede.
Le sue penetrazioni sono mortifere e spaccano la partita: 29-19 per i padroni di casa, time-out VIGEVANO.

La ForENERGY VIGEVANO però, caricata a dovere dai suoi quasi 200 tifosi, non ci sta e con un po’ di energia riesce a non sprofondare.
CEPER ed il neo entrato KAPEDANI fanno la voce grossa sotto canestro, CATTANEO bombarda dalla media distanza e si chiude il primo tempo con il punteggio di 40-33 per i padroni di casa.
Ma VIGEVANO c’è e si annuncia battagliera per provare a colmare il gap nel secondo tempo.

Inizia il terzo quarto: pronti via bomba del centro pavese PAGLIAI, ma il pubblico vigevanese ha già trasformato la palestra in un girone infernale.
Il tifo è assordante ed i giocatori, trascinati dalla grinta della tifoseria, riescono a non mollare mai nonostante le bombe di ARMANA e le penetrazioni di PIERMATTEI.

Le idee in casa VIGEVANO sono chiarissime: si va con il quintetto pesante.
Questa scelta paga e la superiorità fisica a rimbalzo è lampante.

Coach MUNINI butta nella mischia il giovane BASSI, ma l’esperimento dura poco.
Troppa tensione in campo, troppa esperienza da parte dei pavesi; ritorna in campo CATTANEO e si sente eccome.
Penetrazione e chiusura di quarto sul punteggio di 60-58.

Un silenzioso MORETTI inizia subito con le marce alte l’ultima frazione di gioco. 60-60 pari e tutto da rifare, finalmente VIGEVANO raggiunge gli avversari ed è determinata a non lasciarli più.

La partita procede, l’intensità è altissima, CATTANEO firma il 65-66, palla recuperata e KAPEDANI segna il canestro del +3.
65-68 e time-out CAVA MANARA.

Mancano 4 minuti e mezzo e i deboli di cuore decidono di lasciare le tribune, dalla tifoseria ducale si alternano cori a preghiere.
E’ una di quelle partite che non si vogliono perdere ed il “punto a punto” finale chiarisce come si equivalgano le due Squadre.

ARMANA è una spina nel fianco per la difesa vigevanese, la sua atipicità infatti lo porta spesso dietro la linea dei tre punti, territorio in cui i difensori vigevanesi non vanno volentieri, e infatti segna la bomba del +2 (70-68).

La partita ormai si gioca ad una tale intensità e tecnica che solo pochi possono reggere la pressione.
E’ il momento di CATTANEO: tripla!
72-74, ma niente da fare, è immediata la risposta del cecchino FASANI, seguito subito dalla penetrazione di PIERMATTEI: 77-74  per CAVA MANARA.

Ultima azione, palla in mano ai padroni di casa sul 78-78, ma i ragazzi di Coach CELE’ non riescono a sbloccare l’equilibrio.
Non bastano i 40 minuti di gioco: OVERTIME!

Si rientra in campo ed i giocatori sono stanchissimi, le Squadre infatti sono corte.
Da una parte fuori VASQUEZ, dall’altra fuori CEPER, entrambi per 5 falli.

VIGEVANO si affida al gigante KAPEDANI, che registra i primi 6 punti dell’overtime, ma CAVA MANARA come al solito non molla, 1′.08″ da giocare, 85-84 il punteggio.

Si attacca, si difende, mancano 13 secondi, canestro!
CATTANEO firma il vantaggio vigevanese sull’87-88.
Time-out CAVA MANARA, ultima azione per ZANDALASINI che penetra e segna, lasciando una manciata di secondi al contrattaco ducale.

Ma se c’è una cosa che insegna il basket è che non si deve mai gioire prima dela sirena finale.
E infatti Coach MUNINI chiama subito time-out per usufruire della rimessa in attacco con poco più di 4″ da giocare.

Palla a QUARONI: palleggio, arresto, tiro, solo rete!

VIGEVANO  vince allo scadere, i ricordi e pensieri sono tanti:

Negli occhi dei più torna in mente la prodezza di BOYETTE nel Derby contro PAVIA.
Erano altri tempi, altri giocatori, altri palazzetti… Era la LegaDue.
Ma la gioia che questi finali danno ai tifosi e che portano quasi 200 persone a muoversi per seguire fedelmente la Squadra, anche in Serie C, ci fanno una volta in più capire come VIGEVANO sia ormai non solo “una Squadra con un pubblico al seguito“, ma anche un gruppo di persone, amici, che nel loro piccolo compiono il proprio dovere.
Chi in campo, chi sulle tribune a tifare, chi a bordo campo a scattare le fotografie, chi a supportare economicamente e chi si impegna giornalmente per offrire un prodotto il più competitivo possibile.

La festa è iniziata, e la dedica di questa vittoria non può che andare a chi ha lasciato troppo presto questo gruppo:
Dal campione BERTOLAZZI (uno degli indimenticabili protagonisti del sopraccitato Derby con Pavia vinto allo scadere) ai tifosi IVAN e LUCA, ai quali è stato dedicato uno striscione e che, sicuramente, in qualche modo avranno festeggiato la vittoria con noi.

La prossima settimana ci aspetta un’altro “Derby provinciale“, un altro “scontro al vertice“.
Questa volta contro l’OLYMPIA VOGHERA di Coach PETITTI che, insieme a VIGEVANO, è tra le più attrezzate Squadre del girone e la più quotata tra le pretendenti ad un posto nella Serie C Nazionale 2015/2016.

L’appuntamento è per sabato 1° Novembre (ore 21.15) al PalaBasletta che, dopo 2 settimane “on the road“, sarà sicuramente pieno ed infuocato.

Giacomo VILLANI
Ufficio Stampa NPV1955

TABELLINI

Parziali:

17-15; 40-33; 60-58; 78-78; 89-91.

OMNIA BASKET CAVA MANARA

Vasquez 6, Zandalasini 15, Fasani 6, Maga n.e., Campeggi, Piermattei 37, Pagliai 10, Armana 13, Ragni 2, Tisato n.e., Vercelli n.e.
Coach Celé

ForENERGY VIGEVANO 1955

Oresenigo n.e., Kapedani 25, Moretti 6, Quaroni 13, Kam, Cattaneo 22, Barbirato 10, Bassi, Zucca n.e., Ceper 15.
Coach Munini

 

Fuori per 5 falli: Vasquez (C), Campeggi (C), Armana (C), Ceper (V)

Spettatori: 400 circa

VIDEO

Highlights della partita

Interviste dopo partita

PHOTO GALLERY

(a cura di Luigi Rotta)

(guarda la galleria completa sulla nostra PAGINA FACEBOOK)

Guarda anche

Presentati il nuovo Coach Simone BIANCHI ed il primo acquisto Mirko CAVALLARO